Seregno-Mantova 1-1: brianzoli in 10 ed i virgiliani si accontentano?

10.10.2021 17:14 di Tutto Mantova   vedi letture
Seregno-Mantova 1-1: brianzoli in 10 ed i virgiliani si accontentano?
© foto di Pietro Mazzara

1-1 tra Seregno e Mantova nella sfida valevole per l'8^ giornata del Girone A giocata alle 14,30 allo stadio “Ferruccio”. Nel Seregno le novità sono rappresentate da Invernizzi in mediana e D'Andrea preferito a Cocco al centro dell'attacco. Ricordiamo che è assente per infortunio l'ex Mantova Raggio Garibaldi. Nei virgiliani rispettate le previsioni della vigilia con Paudice schierato al centro dell'attacco al posto dell'infortunato De Cenco. E proprio Paudice mette la firma sul match dopo soli tre minuti con una grande apertura per Guccione libero a destra, il numero 10 si invola tutto solo e piazza la palla sul palo opposto con il piatto sinistro. La palla sbatte sul legno ed è proprio Paudice a mettere dentro il tap-in vincente a porta sguarnita. Qualche protesta dal parte dei padroni di casa per una presunta posizione di fuorigioco. Dopo il gol del vantaggio, racconta tuttoc.com, il Mantova si vede pochissimo ed è sempre il Seregno a fare la partita. L' occasione per il pari arriva però soltanto al minuto 31: batti e ribatti in area del Mantova sugli sviluppi di una punizione calciato sulla trequarti, la palla perviene a Borgese la cui conclusione sbatte sulla traversa, sulla respinta D'Andrea prova la girata ma la palla è ribattuta dalla difesa del Mantova. Al 43' il Seregno trova il meritato pareggio: Jimenez serve D'Andrea, apertura a sinistra per Valeau. L'esterno sinistro scuola Roma lascia partire un bolide che non lascia scampo a Tosi. Al 47' il Mantova ha l'occasione di portarsi in vantaggio, ma Cernigoi mette alto di testa da ottima posizione. La ripresa si apre con gli stessi ventidue che avevano iniziato il match e con il Seregno che continua a fare la partita, galvanizzato dalla rete del pari trovata in chiusura di primo tempo. Con il passare dei minuti, però la gara si innervosisce fino all'espulsione, forse eccessiva, per fallo da ultimo uomo di Invernizzi, il quale si prende il rosso diretto per aver steso Guccione. L'inferiorità numerica spegne gli ardori del Seregno e le squadre si accontentano del punto che consente loro di salire rispettivamente a quota 9 ed 8 in classifica.