Tormentone multiproprietà: Napoli-Bari, quale scelta DeLa? E Setti?

05.04.2022 09:29 di Tutto Mantova   vedi letture
Tormentone multiproprietà: Napoli-Bari, quale scelta DeLa? E Setti?
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

"Viene voglia di non lasciare? È così, vedremo”. Già nell’immediato dopo gara di Latina, con i festeggiamenti per una Serie B ritrovata a distanza di quattro anni dal fallimento e dalla rinascita in Serie D, serpeggiava la domanda che una volta smaltita la sbornia promozione e terminato il campionato di Serie C sarà al centro delle vicende del Bari. Cosa farà la famiglia De Laurentiis?

Per il prossimo anno sicuramente il problema non si pone, ricordano i colleghi di TMW. Il Napoli sarà infatti in Serie A. e chissà se magari con uno scudetto cucito sul petto per raddoppiare la festa, e il Bari in Serie B per cui non ci sono problemi di sorta per il fatto che la proprietà dei due club sia la medesima, ma certo la squadra pugliese – per storia e calore della piazza – non può certo mirare a vivacchiare in cadetteria, l’obiettivo nel medio periodo, magari anche un po' meno medio, è quello di tornare in Serie A. E quel punto, anzi prima visto che dal 2024 saranno vietate le doppie proprietà, il problema sorgerebbe eccome. E allora la famiglia De Laurentiis dovrà decidere: continuare con il Napoli o provare a fare col Bari quanto fatto in Campania e portarlo a competere ai massimi livelli, giocare la Champions League e magari lottare per lo scudetto.

Una decisione che non va presa domani, ovviamente, ma che prima o poi andrà presa anche per rispetto ai tifosi delle due squadre e in particolare a quelli del Bari consapevoli di non poter salire in massima serie finché la proprietà sarà condivisa con il Napoli. Va presa anche per evitare quanto accaduto la scorsa estate con Claudio Lotito che ha dovuto scegliere fra Lazio e Salernitana, optando per la prima, creando una situazione non chiara che solo a dicembre si è risolta con la cessione del club campano a Iervolino. Una situazione che non dovrà più ripetersi per il bene del calcio italiano e per quello di piazze importanti come sono appunto Bari e Salerno, o anche Mantova che vanta la stessa proprietà dell’Hellas.