Saviatesta, giornata storta: manita con gli Hornets

30.10.2022 09:03 di Tutto Mantova   vedi letture
Saviatesta, giornata storta: manita con gli Hornets

Nella sesta giornata il Saviatesta cade per 5-1 in casa dello Sportings Hornets. Giornata storta per gli uomini di mister Milella che incappano in un avversario a cui invece va tutto bene sul terreno di casa. Non inganni il risultato perché sino all’ultimo la gara è rimasta a aperta a qualsiasi risultato, con i padroni di casa bravi a capitalizzare due ripartenze nell’arco di venti secondi a metà della ripresa, mentre il Mantova stava pressando. Sul match però stavolta è doveroso segnalare che pesa come un macigno l’ingiusta espulsione a carico di capitan Titon, reo secondo il signor Nappo di Ercolano, di avere colpito con una gomitata un avversario. Le immagini delle riprese video del match se ci fossero solo dei dubbi, sovvertono in maniera inequivocabile la decisione presa dall’arbitro 1, facendo chiaramente vedere il capitano del Mantova che sbraccia dopo aver subito fallo, ma senza toccare l’avversario, bravo a simulare il tocco e a tuffarsi a terra, come colpito a morte. In realtà la signora Manca di Sassari aveva visto tutto giusto, giallo per l’autore del fallo e punizione per il Mantova con il quinto penalty fischiato, ma il signor Nappo che si era già reso protagonista in altre tre occasioni per correggere l’operato della collega, invece irrompe sul terreno di gioco, dicendo:” ho visto tutto io”, facendo cambiare la decisione alla signora Manca, annullando la punizione per i virgiliani e decretando l’espulsione di Titon che riviste appunto anche le immagini del match, è assolutamente inesistente. Non bisogna di certo nascondersi dietro questo episodio, ma con il quinto fallo fischiato , giocatore ammonito e Titon ancora in campo, forse magari qualcosa nell’economia della gara, sarebbe andato diversamente. Oltre al danno anche la beffa di vedere il numero 10 biancorosso, per tradizione giocatore sempre corretto, squalificato per la prossima gara. Nemmeno il tempo di leccarsi le ferite che martedì alle ore 16.00 sarà ancora partita, stavolta in casa contro il Modena, già avversario di mercoledì scorso in Coppa della Divisione. Una gara che sicuramente sarà da prendere con le pinze per il grande valore dell’avversario, che ad oggi è secondo in classifica dietro solo al Lido di Ostia.

 

Si parte con il Mantova che schiera nel quintetto iniziale Fior, Gabriel, Cabeca, Titon e Minnella. Attimi di studio poi il match parte con Mantova all’attacco e locali molto bene impostati sulla difensiva per sfruttare le ripartenze e gli errori virgiliani. Per sbloccare l’inerzia della gara ci vuole proprio un errore del portiere virgiliano Fior che su un tiro non irresistibile rasoterra di Vicalvi, lascia andare la palla che si deposita in rete per l’1-0. Ci vogliono le maniere forti per fermare le folate di Titon che al 12’ però, dopo avere subito fallo e guadagnato una preziosa punizione, viene incredibilmente ed ingiustamente espulso per una reazione vista solo dall’arbitro 1. I biancorossi reggono bene l’urto e riescono a riportarsi in parità numerica, senza subire reti, anzi andando vicino più volte alla marcatura ma un super Santangelo nega la gioia del gol a Cabeca e Misael.

 

Nella ripresa il Mantova trova al 2’ il pareggio di Misael che sul secondo palo devia in rete una bella iniziativa di Cabeca. Le occasioni per il Saviatesta iniziano a moltiplicarsi, il palo ferma Cabeca, Kullani non trova l’attimo e Bueno ha suoi piedi la rete del vantaggio ma si fa ipnotizzare ancora da Santangelo, un vero muro in porta. La legge del calcio però arriva inesorabile e alla prima vera ripartenza i locali fanno centro con Medici che approfitta di uno svarione della difesa per insaccare il 2-1. Nemmeno venti secondi che Mejuto si ripete trovando il 3-1, sempre con tiro nato da uno svarione della difesa virgiliana, anche se la palla prima era uscita lateralmente, ma gli arbitri non se ne avvedono. Cabeca risponde trovando sulla sua strada un altro incrocio dei pali, con palla che sbatte sotto al sette e ritorna in campo. Mister Milella prova il power play con Gabriel quinto di movimento, ma anche stavolta i premiati sono i difendenti, con Hornets che trova altre due marcature nate da tiri dalla distanza con porta sguarnita, utili solo per la statistica che certifica il risultato finale di 5-1. Prossimo appuntamento Martedì 01 novembre alle ore 16.00 al Neolu’ ospite il Modena Cavezzo. 

SOSTIENI LA NOSTRA INFORMAZIONE: GRAZIE!

Per contattare la redazione e per la tua pubblicità su questo sito: redazione@tuttomantova.it