Basket, Mantova mette paura a Udine: a Curtatone 77-73 per i bianconeri

12.09.2022 12:02 di Tutto Mantova   vedi letture
Basket, Mantova mette paura a Udine: a Curtatone 77-73 per i bianconeri

Carattere e intensità: la Staff Mantova regge per oltre tre quarti l’impatto con la capolista Udine e nel finale arriva ad un possesso dal pareggio. Grande spettacolo davanti ai 300 spettatori della Tea Arena di Curtatone. Coach Valli parte con Calzavara, Miles, Cortese, Ross e Thioune, mentre Matteo Palermo non prende parte alla gara per un acciacco muscolare. L’avvio dei biancorossi è molto positivo, con Ross che dà dimostrazione del suo talento mettendo in difficoltà la difesa di Udine. Dopo il 5-0 iniziale, però, la Staff subisce il grande talento degli avversari, tra cui l’ex Brindisi Gaspardo e il capitano Michele Antonutti. Così, in pochi minuti i bianconeri ribaltano il risultato con parziale di 12-2 costringendo il tecnico mantovano al timeout.

Al rientro, gli Stings ritrovano energie affidandosi a Ross e Miles. Grazie alla coppia USA, la Staff pareggia e supera gli avversari sul 20-19. Udine reagisce, ma Mantova è in fiducia e archivia il primo quarto sul 24-23. Nel secondo periodo di gioco, Udine parte a mille sfoderando percentuali da tre punti elevatissime. Gli Stings resistono nella prima parte del quarto, per poi perdere terreno e scivolare a -12. La Old Wild West aumenta la sua fiducia e arriva a sfiorare il +20. Si va negli spogliatoi sul 36-51. L’inizio della ripresa è a favore di Udine che consolida ulteriormente il proprio vantaggio fino ad arrivare al +22 (44-66 al 25’). Con la gara che sembra ormai indirizzata, però, la Staff si scuote e azione dopo azione rosicchia punti importanti alla corazzata bianconera. Un Criconia sempre più protagonista del gioco biancorosso e un Miles pericoloso ad ogni possesso sono tra i protagonisti della riscossa degli Stings che al 30’ sono in svantaggio 54-66.

Nella prima azione dell’ultimo quarto, Udine interrompe il parziale di 10-0 di Mantova, ma continua a soffrire la maggiore intensità biancorossa. Nonostante il canestro non premi sempre la volontà e la tenacia degli uomini di coach Valli, gli Stings non si danno mai per vinti. Con un Thioune in crescita e con un Ross in ascesa, la Staff va a -10 (58-68 al 33’). Neanche il ritorno in campo di Gaspardo e la velocità di Mussini aiutano la Old Wild West che appare ogni minuto che passa sempre più in difficoltà. Così, gli Stings arrivano addirittura a -3 grazie al grande supporto della Tea Arena. Purtroppo, il tiro del pareggio finisce sul ferro e Udine può così festeggiare i due punti. Le sensazioni per i virgiliani, però, sono davvero positive.