Mantova Calcio a 5, Rondelli: "Tutti al Neolù per raggiungere playoff"

30.12.2022 15:05 di Tutto Mantova   vedi letture
Mantova Calcio a 5, Rondelli: "Tutti al Neolù per raggiungere playoff"

ESCLUSIVA - Spazio al Saviatesta Mantova Calcio a 5 che, al giro di boa, è ancora pienamente in corsa per un piazzamento di prestigioso nei play-off nel proprio girone di A2 e sogna una storica finale di Coppa Divisione. Per parlare di questo e di mercato, ai nostri microfoni, il Direttore Sportivo del club di futsal virgiliano Cristiano Rondelli. 

Direttore, un bilancio sul campionato fino a questo momento... 

"Il bilancio del campionato è sicuramente positivo! Se ci avessero inserito nel girone A, non avremmo avuto problemi ad essere tra i primi, considerate le altre formazioni. Il girone B, purtroppo è un raggruppamento con un livello altissimo, quasi da serie A e quindi il Mantova si è trovato a sfidare squadre molto più competitive ed attrezzate. Ora con il mercato di riparazione cerchiamo di adeguarci allo standard del nostro raggruppamento per potenziare la rosa a disposizione del mister Milella. 

Un girone B che ha anche molte difficoltà logistiche considerate le trasferte... Campobasso non è proprio dietro l'angolo!

"Si, tra l'altro, quella di Campobasso è l'ultima trasferta che abbiamo affrontato! Il Mantova che va a giocare in Molise, stride fortemente. Il Mantova calcio ad 11, per esempio, ha trasferte abbordabili o comunque massimo intorno ai 200 km! Il Saviatesta, tra andata e ritorno, da Campobasso, ha viaggiato per 1800 km. Questo, in ogni caso, anche se non voglio farne un alibi, influisce e non poco sulla tenuta sportiva dei nostri calciatori: è comunque una situazione che ha i suoi contro in termini di agonismo e lucidità. Il fattore logistico è assolutamente da tenere in considerazione su quella che è la resa in campo".

 

Direttore, obiettivo play-off?

"Si assolutamente! Ripeto, fermo restando il problema dell'inserimento nel girone B, rispetto a quello A, partendo da quasi impreparati, ci siamo difesi bene, perché abbiamo tenuto testa alle prime due, che hanno organici di categoria superiore e fanno un campionato a parte! Con tutte le altre ce la giochiamo a viso aperto... C'è un po' di rammarico per certe situazioni, qualche partita persa alla fine: qualche punto in più avremmo in classifica ci poteva stare! Ma siamo carichi e pronti per il ritorno in campo..."

Le ultime bombe di mercato sono stati Follador e Marchese: ha pronto qualche altro colpo?

"Credo che nelle prossime ore, potrebbe arrivare un nuovo calcettista. Siamo ai dettagli. Non gioca in Italia, è uno straniero perchè abbiamo ancora libero quello slot che è comunque da riempire. Follador e Marchese sono gli ultimi colpi ed hanno anche già esordito con la nostra maglia.... La nota stonata, però, è l'infortunio al ginocchio di Bueno: ad inizio gennaio si sottoporrà ad intervento chirurgico!". 

Che rapporto c’è tra tifosi e squadra?

 

"Il rapporto è molto buono, c'è seguito, c'è attaccamento alla squadra. Ovvio farebbe piacere trovare un po' più di gente al Neolù, però, tutto sommato per una società nata solo sette anni fa, vedere tutto questo entusiasmo, è davvero un progresso. Stiamo diventando un club di tradizione, abbiamo fatto la serie A, siamo un punto di riferimento sul territorio perchè rappresentiamo la città anche fuori i confini locali e questo è importante! C’è tanta fame di sport a Mantova! C'è bisogno di partecipazione! Per questo invito tutti alla prossima gara in casa, sabato 7 gennaio alle ore 16. Arriva il Cesena che è molto organizzata e sta facendo un bel campionato, anche se neopromossa. Ha perso solo una partita, quella con il Genzano. Per noi affrontare i romagnoli è una sorta di banco di prova che ci permetterà di capire anche che tipo di squadra siamo con il nuovo assetto". 

Ultimo pensiero: la semifinale di Coppa Divisione! E' un traguardo storico...

"Siamo stati bravi ad arrivare fino a questo punto... In partenza, c'erano più di duecento squadre, il Mantova calcio a 5 è tra le prime 4 in tutta Italia e l'unico club di A2. E' sicuramente motivo d'orgoglio! Quasi sicuramente affronteremo il Petrarca Padova in casa, il 7 febbraio, ci aspettiamo un pubblico delle grandi occasioni. L'obiettivo è il sogno di raggiungere la finale!".

Angelo Maria Castaldo

Seguici su Facebook

SOSTIENI LA NOSTRA INFORMAZIONE

Per contattare la redazione e per la tua pubblicità su questo sito: redazione@tuttomantova.it