Mantovaincanto, sabato 17 al Bibiena il primo Premio "Enzo Dara"

15.09.2022 09:08 di Tutto Mantova   vedi letture
Mantovaincanto, sabato 17 al Bibiena il primo Premio "Enzo Dara"

Torna anche quest’anno la nuova edizione di MANTOVAINCANTO, la rassegna ideata dall’Associazione AMAREMANTOVA con il contributo e patrocinio del Comune di Mantova. “Siamo in un periodo storico molto difficile per chi opera nel settore della cultura e noi di AMA-REMANTOVA non abbiamo mai smesso di creare” commenta il Presidente dell’Associazione, il te-nore Angelo Goffredi. La manifestazione culturale è stata presentata martedì 13 settembre, nella sala Consiliare del Comu-ne di Mantova, dall’assessore comunale Andrea Murari, dal presidente dell’Associazione Amare-mantova Angelo Goffredi e, in video-collegamento, dal baritono Bruno de Simone e dalla presiden-te di giuria del Premio Dara la musicologa Laura Valente. Sabato 17 settembre, alle 21, nel Teatro Scientifico Bibiena, AMAREMANTOVA ci stupirà con un multi-evento, un evento nell’evento, ossia da un lato il conferimento del “Premio Enzo Dara” in memoria del Buffo virgiliano “Enzo Dara”, socio dell’Associazione e nostro sostenitore sin dalla prima rassegna, e dall’altro la messa in scena dell’intermezzo buffo “La Dirindina” di Domenico Scarlatti. Il riconoscimento è assegnato a Bruno de Simone, uno dei baritoni “Buffi” più importanti del mon-do, interprete di riferimento per il repertorio rossiniano e donizettiano. La motivazione: “A Bruno de Simone, assoluto fuoriclasse del repertorio giocoso sette-ottocentesco, per le doti vocali che lo hanno reso famoso ed indispensabile nel panorama lirico internazionale. Una voce estremamente duttile e versatile, che unita alla straordinaria presenza scenica, ha espresso in ogni sua performance una sapiente miscela di stile e gusto interpretativo. A questo si aggiunge, nello spirito del premio e di chi lo ha ispirato, una grande dedizione alla formazione di nuove voci, che ne fanno anche un didatta riconosciuto e apprezzato a livello internazionale. Come amava dire Rodolfo Celletti "con lui il buffo è cantante, non parlante".