Non rispetta prescrizioni del Giudice: 50enne torna in carcere

11.05.2021 09:02 di Tutto Mantova   Vedi letture
Non rispetta prescrizioni del Giudice: 50enne torna in carcere

Proseguono i controlli da parte dei carabinieri tramite le pattuglie dislocate su tutto il territorio della Provincia di Mantova. Un impegno che vede quotidianamente impiegate ben oltre cento militari, tra uomini e donne, a tutela della collettività, alla prevenzione della sicurezza stradale e alla repressione dell’illegalità diffusa.

Nel corso della settimana a San Giorgio Bigarello, riporta la nota delle FF.OO., i militari della locale Stazione hanno riaccompagnato in carcere S.C., 50enne, poiché, autore di estorsione e ammesso alla misura alternativa dell’affidamento ai servizi sociali, non ha rispettato le prescrizioni imposte dal giudice. Quest’ultimo, a seguito delle reiterate violazioni, ha pertanto disposto che il soggetto tornasse in carcere per scontare la propria pena.

Sul fronte della circolazione stradale invece sono state denunciate quattro persone. A Roverbella e Castelbelforte, nel corso dei posti di controllo rinforzati con la disponibilità dell’etilometro, due conducenti sono stati deferiti all’autorità giudiziaria. Il primo, originario di Castel Goffredo, classe 82, recidivo, è stato beccato con un tasso di oltre un grammo di alcol per litro di sangue. Mentre l’altro, della provincia di Verona, oltre a rifiutarsi di eseguire il test ha minacciato ed oltraggiato i carabinieri. In quest’ultimo caso il veicolo è stato sequestrato ai fini della confisca.

I Carabinieri di Borgo Virgilio hanno invece sorpreso un algerino che, nel corso dei controlli dei documenti, forniva una patente di guida spagnola risultata, tramite gli accertamenti in banca dati, essere falsa. L’uomo dovrà rispondere di uso di atto falso e ricettazione.

A Mantova invece, una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile ha denunciato un nordafricano, pregiudicato, che a seguito di perquisizione veicolare è stato trovato con un taglierino occultato dietro la tasta del sedile dell’auto. E’ stato altresì sanzionato poiché alla guida di un veicolo intestato ad un prestanome.

Infine guai anche per un ragazzo romeno, di vent’anni, fermato a Castel d’Ario, poiché trovato in possesso di uno spinello. Per lui è scattata la segnalazione alla Prefettura di Mantova per il successivo percorso socio-riabilitativo