Gargiulo a Tuttolegapro: "Mantova non mi ha ancora chiamato, vorrei restare"

 di Matteo Bursi Twitter:   articolo letto 353 volte
Fonte: Tuttolegapro.com
Gargiulo a Tuttolegapro: "Mantova non mi ha ancora chiamato, vorrei restare"

Juan Pablo Gargiulo e l'Italia, una storia destinata a continuare. L'argentino ex Mantova, che proprio pochi giorni fa aveva ripercorso ai nostri microfoni la stagione dei biancorossi, è tornato in Italia e viene facile associare nuovamente il suo nome a quello del club virgiliano: soluzione che ancora si conferma gradita al classe '92, che sta comunque parlando con altre squadre. Ecco il punto della situazione, nuovamente ai microfoni di TuttoLegaPro.com. 

Stai arrivando un altra volta in Italia, facile dedurre il motivo: colloqui con alcune squadre.

"Si, esatto, sono arrivato proprio oggi in Italia perchè alcuni club mi hanno comunicato di voler parlare con me per propormi i loro progetti in vista della nuova stagione: valuterò ciò che mi sarà proposto, con la speranza che qualcosa vada in porto".

Anche perchè, proprio come dichiarasti ai nostri microfoni, la tua volontà è quella di giocare qui...

"Esatto, il campionato italiano mi ha da sempre affascinato, e devo anche dire che mi sono trovato bene nel vostro paese, dove ho ancora tanti amici. Mantova poi è stata un'esperienza fantastica, ho trovato una grande squadra e una città fantastica che ci ha sostenuti fino alla fine. Al di la di come è finita fuori dal campo, aspetto del quale mi rammarico e per il quale cerco ancora riscatto, il gruppo c'era".

Mantova, appunto. Contatti con la nuova proprietà?

"Ho solo letto che pare esserci nuovo interesse per il mio profilo, ma al momento nessuno mi ha chiamato, con la nuova società non c'è stato nulla. Di certo c'è che se mi chiamassero, l'accordo lo troviamo, non ci sarebbero, almeno da parte mia, ostacoli di nessun genere".

Ma quali sono al momento le tue aspettative?

"Onostamente per il momento voglio solo definire la mia situazione lavorativa, poi penserò a quello che sarà e dove sarà. Avevo anche chiamate estere, se non dovesse concretizzarsi la pista italiana valuterò".