Mantova, Peroni replica a Signorelli. A Tmw dice: "Dimostrerò quanto so fare. La società sta risolvendo i problemi"

Mantova, Peroni replica a Signorelli. A Tmw dice: "Dimostrerò quanto so fare. La società sta risolvendo i problemi"
 di Matteo Bursi Twitter:   articolo letto 337 volte
Fonte: Tuttomercatoweb.com
© foto di Matteo Bursi
Mantova, Peroni replica a Signorelli. A Tmw dice: "Dimostrerò quanto so fare. La società sta risolvendo i problemi"

L'attuale team manager del Mantova Alessio Peroni ha voluto rispondere attraverso le pagine del portale Tuttomercatoweb.com alle parole del direttore sportivo Elio Signorelli: “Signorelli è arrivato a fine gennaio a Mantova e il 12 aprile, a due mesi dal suo ingaggio, gli è stato concesso con grande stile, un permesso dalla società. Con grande stupore leggo che il nostro attuale direttore sportivo mi invita a dimostrare il mio valore e voglio rispondergli che facendo anche io calcio da anni ho poco da dimostrare, ma certamente molto da imparare. Se potrò fare di più, pur non avendo lo spessore del direttore tanto è vero che il mio nome (ironizza forse il team manager NdR) non appare su Wikipedia,cercherò di cogliere il suo invito per dimostrare quanto so fare”.

Il direttore dice che la squadra è rimasta tranquilla grazie a lui
“Per quanto riguarda la squadra so per certo, e questo mi è stato confermato anche da mister Graziani, che il gruppo è rimasto sempre tranquillo a parte, giustamente, dopo la scadenza federale del 16 aprile quando la società ha avuto qualche problema nel pagamento delle spettanze, problema che tuttavia si sta risolvendo. Ma a quella data il direttore Signorelli era già in permesso da giorni e mi chiedo come abbia potuto dare tranquillità alla squadra essendo in frizione con la società”

Vuole dire qualcos'altro al direttore?
“Per continuare a fare calcio non ho dovuto fare molteplici chiamate a nessuno e in primis al mio attuale presidente e sono fortemente convinto che un professionista non debba mai mancare di rispetto a chi gli permette di continuare a lavorare e a chi non è mai venuto meno al pagamento di quanto dovuto. La società adesso vuole pensare solo al calcio e a dare un futuro al Mantova, questa è la cosa più importante di tutte”.