Superbike. Prove in Thailandia, quinto Lowes su Pata Yamaha. De Angelis chiude diciottesimo

Superbike. Prove in Thailandia, quinto Lowes su Pata Yamaha. De Angelis chiude diciottesimo
10.03.2017 18:39 di Matteo Bursi Twitter:    Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa World SBK
Superbike. Prove in Thailandia, quinto Lowes su Pata Yamaha. De Angelis chiude diciottesimo

I piloti del MOTUL FIM Superbike World Championship sono scesi in pista con la temperatura di 34 gradi per il secondo turno di prove libere, in Tailandia, lottando per rientrare nella top 10 e passare quindi direttamente alla Superpole 2, che avrà luogo domani, prima di Gara1, al Chang International Circuit. 
 
Dopo aver ottenuto il miglior crono nelle FP1, Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha continuato a mantenere un grande ritmo nel pomeriggio, concludendo la giornata in prima posizione con il miglior crono in 1.33.573, a +0.210 dal secondo classificato, il suo compagno di squadra Tom Sykes. L’inglese ha siglato il miglior crono nel secondo turno, in 1.33.783.  
 
Per Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati) è la prima volta su questa pista, sulla sua Panigale R, e nella giornata iniziale ha ottenuto la terza posizione nella classifica dei tempi, a +0.279 da Rea non riuscendo a migliorare il tempo delle FP1. Chaz Davies (Aruba.it Racing –Ducati) ha concluso dietro al suo compagno di squadra, nelle umide condizioni asiatiche.
 
Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) ha continuato a costruire il suo ritmo, su una pista dove ha già conquistato il podio, ed essendo rientrato nella top 5 ha ottenuto l’accesso diretto alla Superpole 2. Anche il compagno di squadra Michael van der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) ha centrato questo obiettivo, avendo concluso ottavo, in 1.34.291. 
 
Lo spagnolo Xavi Fores (BARNI Racing Team) ha stupito anche qui, dopo il round d’apertura, ha ottenuto la quarta posizione nelle FP1 e il sesto crono nella classifica generale a sei decimi dal pilota più veloce. 
 
Markus Reiterberger (Althea BMW Racing Team) è invece in nona posizione, davanti all’irlandese Eugene Laverty (Milwaukee Aprilia) che sulla moto italiana ha centrato la top 10 e quindi la Superpole 2.
 
Appena fuori dalla decima piazza ha concluso Lorenzo Savadori (Milwaukee Aprilia), con un tempo di 1.34.554, davanti a Nicky Hayden (Red Bull Honda World Superbike Team) e Stefan Bradl (Red Bull Honda World Superbike Team) che continuano a lavorare sulla nuova Fireblade 2017.

Chiude invece in diciottesima posizione il sammarinese Alex De Angelis, pilota della Kawasaki numero 15 del Pedercini Racing. Come in Australia, anche la Thailandia vede De Angelis non brillare in prova.
 
Com’era successo a Phillip Island, nel primo turno, Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse) non ha potuto affrontare la FP1 per problemi meccanici, e nel pomeriggio ha messo a segno 16 giri, concludendo così in quattordicesima posizione. 
 
Sabato i piloti scenderano in pista alle 13.30 per la Superpole 1, prima che la gara inizi alle 16:00 ora locale (+8 GMT) a Buriram.