LA PESANTISSIMA LEGGEREZZA DI VIALE TE

 di Matteo Bursi Twitter:   articolo letto 1173 volte
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
LA PESANTISSIMA LEGGEREZZA DI VIALE TE

Le recenti prese di posizioni fanno prefigurare un pesante shock in arrivo in casa Mantova. Una rivoluzione che saprebbe, qualora portata a termine, di pesantissima leggerezza da parte della società. "Qui non c'è più spazio per me". Sono parole di Gaetano Caridi riportate dall'edizione odierna de La Voce di Mantova. Parole che fanno seguito al lungo silenzio intercorso tra le parti: tra il capitano biancorosso e i vertici di Viale Te infatti nessun contatto dal 7 maggio scorso. Caridi è in scadenza di contratto e il suo prolungamento non risulta essere tra le priorità per il presidente Marco Claudio De Sanctis e l'amministratore delegato Enrico Folgori. Lo stesso Folgori infatti a Telemantova ha recentemente dichiarato che la nuova stagione "ripartirà da chi non ha richiesto la messa in mora del club". Prese di posizioni apparentemente inconciliabili, la sensazione persistente che non ci sia agio per ricucire.

Per Mantova Gaetano Caridi è simbolo, bandiera, punto fermo della squadra e dello spogliatoio. Non assomiglierebbe ad un vezzo o un favore, la riconferma del numero dieci sarebbe invece la dimostrazione di aver inteso appieno la rilevanza storica di un calciatore all'interno in una piazza che da anni vive senza un futuro certo e granitico. Non pensare nemmeno al possibile rinnovo assomiglia ad una pesante, incomprensibile leggerezza.