Alessandro Pellicori

Attaccante cosentino classe 1981, la sua migliore stagione finora ad Avellino nel 2007/2008.
24.03.2011 06:18 di Matteo Bursi  articolo letto 3272 volte
© foto di Matteo Bursi
© foto di Matteo Bursi

Pellicori cresce nella squadra della sua città natale, il Cosenza, con la quale fa il suo esordio nel mondo del calcio professionistico appena maggiorenne. E' la stagione 1999/2000 quando Alessandro Pellicori scende in campo per la prima volta in Serie B. I due anni successivi li passa a Lecce, dove totalizza quattro presenze complessive nella massima serie. Nel 2002/2003 trova finalmente il campo con maggiore continuità, con la maglia dell'Avellino realizza sette reti in diciotto presenze (C1). A gennaio passa al Varese, sempre in C1, dove segna un gol nelle nove partite giocate. Anche l'anno successivo in C1 veste due maglie: prima a Foggia dove gioca quindici partite mettendo in rete il pallone in due occasioni, poi è la volta del Benevento dove racimola 14 gettoni e un gol. Il 2004/2005 è un ottimo anno per Pellicori; arriva a Grosseto e in C1 (l'anno in cui il campionato fu vinto dalla Cremonese e che il Mantova si aggiudicò i playoff) e mette a segno ben 12 reti in 34 presenze. L'anno dopo parte ancora meglio, in sei mesi ha l'invidiabile score di 10 gol in 18 partite. Nel gennaio 2006 passa al Catanzaro in B, dove totalizza solo sette presenze. Il 2006/2007 lo passa ancora in B, tra Piacenza (nove presenze) e Cesena (dodici partite, tre gol). Il boom arriva l'anno dopo: ad Avellino è il bomber con la bellezza di diciotto marcature nel campionato cadetto - in trentotto partite. Nel 2008/2009 altre due marcature in Campania, prima di tornare a gennaio al Grosseto - dove, sempre in B, mette a segno quattro gol. L'estate 2009 lo vede partire alla volta di Londra, acquistato dal Queens Park Rangers di Flavio Briatore. Nella Serie B inglese Pellicori non trova fortuna, colleziona pochissime presenze e già a gennaio è messo in lista di partenza. Il primo febbraio 2010, nell'ultimo giorno di mercato, viene acquistato in prestito dal Mantova. I suoi cinque mesi a Mantova - in un periodo nero dal punto di vista societario - sono di spessore. Si conferma attaccante con un ottimo rapporto col gol e in biancorosso realizza 8 reti in 17 partite, provando a sospingere l'Aciemme verso la salvezza. Col fallimento, lascia Mantova e a settembre 2010 passa al Torino.

Alessandro Pellicori nel Mantova
2009/2010 Mantova (B) 17 8
  totale 17 8